Quantcast
Google+

lunedì 23 giugno 2014

Come rendere lo stress amico, gestirne i sintomi e usarlo a proprio vantaggio.

fallen angel
Fallen Angel, Jean Michael Basquiat

Chi di noi non si sente stressato? E chi di noi non mai dato la colpa allo stress per i propri disturbi fisici, per l'insonnia e il cattivo umore? Quando si tratta di stress ci viene sempre da pensare che sia un problema grave che va eliminato, dal momento che ovunque è dipinto come un nemico, come contraltare del benessere. Oggi mi chiedo, e se non fosse così?

Kelly McGonigal è una psicologa della salute e si occupa di tradurre studi teorici in consigli utili e pratici. Negli ultimi dieci anni è stata una delle sostenitrici della tesi secondo cui lo stress è un nemico da combattere. Poi ha cambiato idea. E vi spiego come.
Cominciamo con la ricerca che mi ha fatto ripensare l'intero approccio allo stress. Questa ricerca ha tracciato 30.000 adulti negli Stati Uniti per otto anni, cominciando a chiedere alla gente, "Quanto stress hai provato nell'ultimo anno?" Hanno anche chiesto, "Credi che lo stress sia dannoso per la salute?" Poi hanno usato i registri dei decessi per scoprire chi era deceduto.
Ciò che hanno scoperto era che le persone che avevano provato molto stress nell'anno precedente avevano un rischio di decesso superiore del 43% rispetto ai rimanenti. Questo, però, era vero solo per le persone che credevano che lo stress fosse dannoso per la salute. Le persone che provavano molto stress ma che non vedevano lo stress come dannoso avevano meno probabilità di morire. Di fatto, avevano il rischio di decesso più basso di tutti, comprese le persone relativamente poco stressate.

Quindi Fatto n.1:
Questo studio mi ha fatto pensare: cambiare il modo di vedere lo stress può farvi stare meglio? La scienza dice di sì. Quando cambiate idea sullo stress, potete cambiare la reazione del vostro corpo allo stress.
La reazione del nostro corpo allo stress, come è stato evidenziato in vari studi, si palesa essenzialmente con battito cardiaco aumentato e vasi sanguigni ristretti. Questo è uno dei motivi per cui lo stress cronico viene talvolta associato a malattie cardiovascolari. Nelle persone che sanno gestire lo stress, che non percepiscono quest'ultimo come un problema, i vasi sanguigni rimangono rilassati. Il cuore batte forte lo stesso, ma è un profilo cardiovascolare molto più sano. Assomiglia molto a quello che accade in momenti di gioia e coraggio.  Il cuore, battendo forte, si prepara per l'azione. Il respiro veloce porta più ossigeno al cervello. Lo stress ben gestito non è dannoso.

Fatto n.2:
lo stress vi rende socievoli
E come? Quando siamo sotto stress il nostro corpo produce in risposta un ormone chiamato ossitocina:
(L'ossitocina) Ha anche un soprannome, l'ormone delle coccole, perché viene rilasciato quando abbracciate qualcuno. Ma è solo una piccola parte di quello che fa l'ossitocina. L'ossitocina è un neuro-ormone. Aggiusta gli istinti sociali del vostro cervello. Vi prepara a fare cose che rafforzano le relazioni più strette. L'ossitocina vi fa desiderare il contatto fisico di amici e familiari. Migliora la vostra empatia. Vi spinge anche a essere più servizievoli nei confronti delle persone a cui tenete. Qualcuno ha addirittura suggerito che dovremmo sniffare ossitocina per diventare più compassionevoli e premurosi. Ma c'è una cosa che la gente non capisce dell'ossitocina. È un ormone dello stress. La vostra ghiandola pituitaria emette questa roba in reazione allo stress. Fa parte della reazione allo stress tanto quanto l'adrenalina che vi fa battere forte il cuore. Quando viene rilasciata ossitocina in reazione allo stress, vi spinge a cercare supporto. La vostra reazione biologica allo stress vi spinge a raccontare a qualcuno come vi sentite invece di tenervelo dentro. La vostra reazione allo stress vuole assicurarsi che notiate quando qualcun altro nella vostra vita soffre in modo che possiate sostenervi a vicenda. Quando la vita è difficile, la vostra reazione allo stress vuole che siate circondati da persone che tengono a voi. 
Conoscere questo aspetto dello stress come può rendervi più sani? L'ossitocina non agisce solo sul vostro cervello. Agisce anche sul vostro corpo, e uno dei suoi ruoli principali nel vostro corpo è proteggere il vostro sistema cardiovascolare dagli effetti dello stress. È un antinfiammatorio naturale. Aiuta anche i vasi sanguigni a rimanere rilassati durante lo stress. Ma il mio effetto preferito sul corpo è quello sul cuore. Il vostro cuore ha dei recettori di questo ormone, e l'ossitocina aiuta a rigenerare le cellule cardiache e curare qualunque danno causato dallo stress. Questo ormone dello stress rafforza il cuore, e la cosa fantastica è che tutti questi benefici fisici dell'ossitocina vengono aumentati dal contatto sociale e dal supporto sociale, in modo che quando vi rivolgete ad altri sotto stress, che sia per cercare supporto o per aiutare qualcun altro rilasciate maggiori quantità di questo ormone, la vostra reazione allo stress diventa più sana, e recuperate più velocemente dallo stress. Trovo straordinario che la vostra reazione allo stress abbia un meccanismo incorporato per la resistenza allo stress, e che quel meccanismo siano le connessioni umane.
 Quindi la McGonigal suggerisce una via alternativa a quella che descrive il nostro usuale rapporto con lo stress. Imbracciare lo stress e padroneggiarlo per costruire dei rapporti umani più profondi e duraturi e viceversa. La sua è una psicologia del coraggio, ovvero quella di affrontare le sfide e le difficoltà che la vita ci pone per uscirne felici e rigenerati. Lo stress è salutare per raggiungere determinati obiettivi personali, e vivere una vita più ricca e felice.
Come pensate e come agite può trasformare il modo di sperimentare lo stress. Se scegliete di vedere la reazione allo stress come utile, create la biologia del coraggio. Quando scegliete di entrare in sintonia con gli altri sotto stress, create capacità di recupero.Non chiedo altre esperienze stressanti nella vita, ma questa scienza mi ha fatto davvero rivalutare lo stress.Lo stress ci dà accesso ai nostri cuori, al cuore compassionevole che trova gioia e senso nell'entrare in sintonia con gli altri, e al cuore fisico, che batte forte e che tanto lavora per darci forza ed energia. Quando scegliete di vedere lo stress in questo modo, non solo affrontate meglio lo stress, ma fate anche un'asserzione molto profonda. State dicendo che potete fidarvi di voi stessi quando si tratta di gestire le sfide della vita, e ricordate a voi stessi che non le dovete affrontare da soli.

via 

Nessun commento:

Posta un commento