Quantcast
Google+

sabato 31 maggio 2014

Dal diario di Jack Kerouac, la genesi di Sulla Strada (On the Road). Le paure di un giovane scrittore.


Jack Kerouac aveva una passione per i diari, per gli appunti fugaci di impressioni che altrimenti avrebbe irrimediabilmente perso (oltre alle lettere e alle liste che compilava in cui dispensava consigli). Degli oltre duecento volumi, custoditi gelosamente a Lowell, dall'ultima moglie, dei brevi estratti sono stati pubblicati dopo la morte di quest'ultima in: Un mondo battuto dal vento. I diari di Jack Kerouac 1947-1954. Ciò che segue si basa in parte su alcuni estratti dei diari pubblicati anche dal New Yorker.

Ciò che emerge dai diari è un Kerouac inedito, giovane e quotidiano, con le sue ansie, i ripensamenti e la paura del successo, nel periodo che va dal Gennaio 1948 al Febbraio 1950; proprio il periodo antecedente alla prima e folle stesura di Sulla Strada (On the Road), completato nel 1951. In quest'arco di tempo finirà il suo primo romanzo pubblicato, La Città e La Metropoli, e intraprenderà gran parte dei viaggi oggetto del successivo:

January 1, 1948. Queens, New York. 
Today, read my novel [“The Town and the City”] in its entirety. I see that it’s almost finished. What is my opinion? It is the sum of myself, as far as the written word can go, and my opinion of it is like my opinion of myself!—gleeful and affectionate one day, black with disgust the next.

Da qui emerge già un aspetto della personalità dell'autore, ovvero la tendenza a cambiare idea su di sé, a scoraggiarsi ed esaltarsi in un' alternanza di momenti alti e bassi. I momenti bassi erano anche quelli in cui non riusciva a soddisfare i ritmi forsennati a cui si sottoponeva:

June 3, 1948. 
I worked out an intricate mathematical thing which determines how assiduously I’m getting my novel typed and revised day after day. It’s too complicated to explain, but suffice it to say that yesterday I was batting .246, and after today’s work my “batting average” rose to .306. The point is, I’ve got to hit like a champion, I’ve got to catch up and stay with Ted Williams (currently hitting .392 in baseball). If I can catch him, June will be the final month of work on “Town & City.”

Sono momenti di amara realizzazione e transizione per lo scrittore simbolo della beat generation. Nel 1948 ha ormai ventisei anni, e sente che è forse giunto il tempo di fare sul serio. Inizia a esternare la consapevolezza, il disgusto per le convenzioni sociali di un' America consumista e conformista:

August 23, 1948. 
Told my mother she ought to go live down South with the family instead of spending all her time slaving in shoe factories. In Russia they slave for the State, here they slave for Expenses. People rush off to meaningless jobs day after day, you see them coughing in the subways at dawn. They squander their souls on things like “rent,” “decent clothes,” “gas and electricity,” “insurance,” behaving like peasants who have just come out of the fields and are so dreadful tickled because they can buy baubles and doodads in stores.
My life is going to be a farm where I’ll grow my food. I won’t do nothing but sit under a tree while my crops are growing, drink homemade wine, write novels to edify my soul, play with my kids, and thumb my nose at the coughing wretches. The next thing you know, they’ll all be marching off to some annihilating war which their leaders will start to keep up appearances. Shit on the Russians, shit on the Americans, shit on them all.

Maine

Ed è in questo contesto che nasce Sulla Strada:

I have another novel in mind—“On the Road”—which I keep thinking about: two guys hitchhiking to California in search of something they don’t really find, and losing themselves on the road, coming all the way back hopeful of something else.

E mentre La città e la Metropoli fatica a trovare un proprio editore, Kerouac è comunque convinto della validità del proprio lavoro, e non si perde d'animo, nonostante le lettere di rifiuto. Nel frattempo inizia l'epoca delle traversate in macchina, con Neal Cassidy al volante, assieme a Louanne Henderson:

January 3, 1949. San Francisco. 
Neal [Cassady] and I and Louanne [Henderson] talking of the value of life as we speed along: “Whither goest thou America in thy shiny car at night?” Seldom had I been so glad.

Dell'inaspettata visione data dalla combinazione tra hashish e viaggio in una notte stellata d'America:

Saw how much genius I had, too. Saw how sullen, blank Louanne hated me. Saw how unimportant I was to them; and the stupidity of my designs on her, and my betrayal of all male friends.

E di come On the Road sia cambiato grazie all'incontro con un vecchio sconosciuto in un saloon del Montana:

February 7, 1949. 
I could not take my eyes off him. My whole concept of “On the Road” changed as I watched.

Gli uomini del Mid-West saranno quelli che più colpiranno la sua immaginazione, contrapposti agli uomini dell'arido Est. Nel bel mezzo di una bufera di neve, Kerouac osserva ragazzi e uomini di Dickinson North Dakota, mentre spalano per una notte intera i cumuli di neve che ostruiscono la strada:

February 9, 1949. 
Is this the “isolationist” Middle West? Where in the effete-thinking East would men work for others, for nothing, at midnight in howling, freezing gales?
The trip across sunny, flat Minnesota was uneventful. How dull it was to be in the East again: no more raw hopes; all was satisfied here.

Stephen Shore 

 E in questo periodo verrà un tentativo di tornare ad una vita più normale e regolare, con il progettato trasferimento in Colorado, a Denver. Ma Sulla Strada ancora lo ossessiona:

April 23, 1949. 
It’s about time for me to start working on “On the Road” in earnest. For the first time in ages, I want to start a new life.

Le cose sembrano quasi subito non funzionare, con Kerouac che ricorderà il 4 Luglio 1949 come uno dei giorni più tristi della propria vita;  in Agosto invece scriverà una testimonianza a proposito di un certo Giroux, editore di una certa fama. I dubbi sulla popolarità che avrebbe potuto raggiungere e le sue implicazioni costituiscono un nuovo motivo di preoccupazione, dato che il manoscritto de La città e la Metropoli era stato appena accettato. La disillusione non tardò ad arrivare:

August, 1949. 
I walk in darkness, and no one will help me but my own mad self. I want to communicate with Dostoyevski in heaven, and ask old Melville if he’s still discouraged, and Wolfe why he let himself die at thirty-eight. I don’t want to give up. I promise I shall never give up, and that I’ll die yelling and laughing.
With Giroux, at Central City, I had seen that my being a published writer was going to be merely a sad affair—not that he intended to show me that. I saw how sad he was, and therefore how the best and highest that the “world” has to offer was in fact empty, spiritless; because after all he is a great New Yorker, a man of affairs, a success at thirty-five, a famous young editor. I told him there were “no laurel wreaths,” i.e., the poet did not find ecstasies in worldly fame, nor in fortune, nor even in anything like acclaim or regard. He quite sensibly told me that the laurel wreath is worn only in the moment of writing.
But that night my dream of glory turned gray, because I saw that the best the “white world” has to offer was not enough ecstasy for me, not enough life, joy, kicks, music; not enough night.

I was so sad—in the violet dark, strolling—wishing I could exchange worlds with the happy, true-minded, ecstatic Negroes of America. All this reminded me of Neal and Louanne, who had been children here and nearby. How I yearned to be transformed into an Eddy, a Neal, a jazz musician, a nigger, a construction worker, a softball pitcher, anything in these wild, dark, humming streets of Denver night—anything but myself so pale and unhappy, so dim.

Some people are made to wish they were other than what they are, only so they may wish and wish and wish. This is my star. What had I done with my life, shutting off the doors to real, boyish, human joy like this, what had made me strive to be “different” from all this?
Now it was too late.

E di seguito i dubbi sul successo del romanzo appena pubblicato (Febbraio 1950), e l'emergere della volontà ferrea di portare a termine il lavoro che occupa la sua mente da due anni. In questo i diari di Jack Kerouac offrono uno spaccato delle paure e delle ansie dello scrittore da giovane, alla Stephen Dedalus, per azzardare un paragone. Il timore di non essere abbastanza si esaurisce in un pensiero finale ottimista e promettente, perché non provarci?

Tuesday, February 28, 1950. 
My new plans for March: soon as I get my money, I’ll join the morning club at the Y and work out almost every weekday. Also, black coffee (no cream and sugar); chinning from the door (which has no real grip, so I can only do ten or eleven or twelve); and less sleep. I’ve been getting fat and lazy. Time for action, time for a new life, my real life. I’ll be twenty-eight in two weeks. Two meals a day instead of three. Much travelling. No stagnation. No more sorrows! No more metaphysical awe! Action . . . speed . . . grace . . . Go! Writing from true thoughts instead of stale rehashes. I’m going to express more and record less in “On the Road.” 
—You have to believe in life before you can accomplish anything. That is why dour, regular-houred, rational-souled State Department diplomats have done nothing for mankind. 
Why live if not for excellence?


venerdì 30 maggio 2014

Le 15 creature più vecchie al mondo.

esseri più vecchi della terra

Gli organisimi viventi più vecchi del pianeta sono un’archivio e una celebrazione del nostro passato, un richiamo all'azione nel presente e un barometro del nostro futuro. Sono sopravvissuti per millenni nel deserto, nel permafrost, in cima alle montagne e sul fondo dell'oceano. Sono sopravvissuti ad indicibili catastrofi naturali e alle invasioni umane, ma ora alcuni di loro sono in pericolo, e non possono semplicemente prendere e andarsene via. Andando alla ricerca di questi organismi, spero di poterattirare l'attenzione sulla loro incredibile resistenza, e contribuire ad assicurare che la loro longevità continui nell’immediato futuro.

Per oltre dieci anni l'artista, fotografa e scienziata Rachael Sussman ha girato il mondo cercando, catalogando e studiando dozzine tra gli esseri viventi più longevi del mondo, tutti d'età superiore ai 2000 anni. Il risultato, un 'incredibile galleria fotografica di esseri bizzarri e affascinanti, è stato raccolto e pubblicato in questo libro: The Oldest Living Things in the World, in cui la Sussman descrive con brevi aneddoti i soggetti, la specie, cosa rappresentano e come sono stati studiati. Il libro si pone ad uno strano crocevia di filosofia, ricerca scientifica ed arte, descrivendo degli esempi di creature incredibilmente longeve e minacciate. Una delle ragioni dell'esposizione, infatti, è sicuramente quella di stimolare la creazione di una certa coscienza riguardo a determinati aspetti della preservazione ambientale, del rispetto che naturalmente sorge dinanzi a forme di vita vecchie di oltre 500.000 anni. Sentimento che non tutti condividono.

Un triste aneddoto spiega, infatti, perché la collocazione esatta di alcuni di essi sia inoltre tenuta nascosta. Il "Senatore" era un cipresso di 3500 anni d'età, bruciato qualche anno fa in modo non ben chiaro:



Nel solco del tema, la fragilità dell'ecosistema in cui molti di essi vivono è un dato di fatto. L'esempio più lampante è quello di questo batterio trovato nel permafrost della Siberia, in grado di "ripararsi" esclusivamente all'interno del proprio habitat. Habitat minacciato dal riscaldamento globale.


Suolo contenente l'actinobatterio siberiano
400,000-600,000 anni | Kolyma Lowlands, Siberia

La Sussman spiega a proposito del batterio, ritrovato da un equipe internazionale che studiava la possibilità di forme di vita su Marte:
Ma il fatto eccezionale a questo proposito è che ripara il proprio DNA al di sotto della temperatura di congelamento. E questo vuol dire che non è dormiente. Sta effettivamente vivendo e crescendo da mezzo milione di anni. É anche probabilmente una delle più vulnerabili tra le creature viventi più vecchie, perché se il permafrost si scioglie non può sopravvivere.
Questi "vecchietti" sono creature affascinanti e curiose, sopravvissuti al tempo e alla minaccia dell'uomo. Di seguito, una breve carrellata:

Pafuri Baobab, Kruger National Park, South Africa, oltre 2.000 ani d'età.


Stromatolites, Carbla Station, Western Australia, 2,000 – 3,000 anni d'età.


Muschio Antartico, Elephant Island, Antarctica, 5.500 anni d'età.


Pino Huon morto, adiacente ad un altro esemplare vivo, Mount Read, Tasmania, 10.500 anni d'età.



 Welwitschia Mirabilis, Deserto del Namib, Namibia, 2000 anni d'età

 Llarete, Atacama Desert, Chile, 2000 anni d'età

 Posidonia Oceanica, Isole Baleari, Spagna, 100.000 anni d'età

 Bristlecone Pine, (Pinus longaeva),White Mountains California, circa 4800 anni

Rare Eucalyptus, New South Wales, Australia, 13.000 anni. Appartiene ad una specie con meno di cinque esemplari rimasti. La Sussman è stata costretta a promettere di non rivelarne l'esatta ubicazione.

Yucca del Mojave, Deserto del Mojave, California, 12.000 anni d'età. La Sussman spiega:
Se siete stati nell'America Occidentale, saprete che il creosoto è praticamente dappertutto, ma ciò detto, vedete che questo qui ha questa forma unica, circolare. E succede che si sta lentamente espandendo all'esterno di quella forma originaria. Ed è uno -- di nuovo, quel sistema interconnesso di radici, che lo rende un individuo genericamente identico. Ha anche un amico vicino,beh, io penso che siano amici. Questa genet è la yucca del Mojave, a circa 1,6 km di distanza, ed ha poco più di 12.000 anni. E vedete che ha la stessa forma circolare. E alle sue spalle alcuni cloni più giovani che punteggiano il paesaggio. Ed entrambi, sia la yucca sia il creosoto, vivono in un terreno di proprietà del Dipartimento di Gestione del Territorio, il che è molto diverso dal vivere protetti all'interno di un parco nazionale. Infatti, questa terra è stata destinata ad area ricreativa per i veicoli fuoristrada.


Pando, Fish Lake, Utah (Usa), 80000 anni d'età. Pando è un genet di un pioppo maschio (Populus tremuloides), ovvero un organismo che vive mediante il continuo sviluppo di moduli che vanno a formare un'unica struttura ramificata. Dai marcatori genetici della pianta è stato stabilito che tutte le ramificazioni di Pando fanno parte dello stesso organismo vivente, con un massiccio sistema di radici sotterranee.




Jomon Sugi, Yakushima Giappone, 2180 anni.Questo è l'albero che ha ispirato questo libro e da cui è iniziato tutto. La Sussman tornerà dal Giappone affascinata e stimolata. A proposito ricorda:
Ciò che state guardando ora è un albero chiamato Jomon Sugi, che vive sulla lontana isola di Yakushima. Questo albero è stato in parte un catalizzatore del progetto. Stavo viaggiando per il Giappone al solo scopo di fare fotografie, quando sentii parlare di questo albero, che ha 2.180 anni, e seppi che dovevo andare a vederlo. Fu soltanto in seguito, una volta tornata a casa, a New York, che mi venne l'idea del progetto. Si è trattato di una lenta lievitazione, per così dire. Penso sia stato il mio desiderio di sempre di unire il mio interesse per l'arte, la scienza e la filosofia a far sì che fossi prontaquando mi si è accesa la proverbiale lampadina. Così cominciai a fare ricerca e, con mia grande sorpresa, scoprii che questo progetto non era mai stato intrapreso prima né in arte né nelle scienze. E, forse ingenuamente, rimasi sorpresa nello scoprire che non esiste nemmeno una branchia delle scienze che si interessi alla questione della longevità globale delle specie.
Gli spezzoni del discorso della Sussman provengono dal suo TED Talk del 2010.
via e via

giovedì 29 maggio 2014

La poetessa americana Maya Angelou a se stessa: "Non lasciare che nessuno ti dica cosa fare. Ormai sei cresciuta."


Maya Angelou, nata Marguerite Ann Johnson, è una poetessa americana, scomparsa il 28 Maggio 2014. E' celebre soprattutto per le sette autobiografie incentrate sulle proprie esperienze adolescenziali e della prima maturità. La Angelou da giovanissima ebbe la sfortuna di essere violentata; a 17 anni ebbe un figlio, il cui padre si rifiutò di riconoscere, decidendo così di abbandonare la casa materna per cavarsela da sola. Tutte queste vicissitudini sono esplorate ad esempio nel suo libro più famoso: I Know Why the Caged Bird Sings.
Per commemorarne la recente morte riproponiamo una sua commovente lettera piena di consigli rivolti ad una se stessa più giovane: (scorrere in basso per la traduzione)

Dear Marguerite, 
You’re itching to be on your own. You don’t want anybody telling you what time you have to be in at night or how to raise your baby. You’re going to leave your mother’s big comfortable house and she won’t stop you, because she knows you too well. 
But listen to what she says: 
When you walk out of my door, don’t let anybody raise you—you’ve been raised. 
You know right from wrong. 
In every relationship you make, you’ll have to show readiness to adjust and make adaptations. 
Remember, you can always come home. 
You will go home again when the world knocks you down—or when you fall down in full view of the world. But only for two or three weeks at a time. Your mother will pamper you and feed you your favorite meal of red beans and rice. You’ll make a practice of going home so she can liberate you again—one of the greatest gifts along with nurturing your courage, that she will give you. 
Be courageous, but not foolhardy.
Walk proud as you are,
Maya



Cara Marguerite, 
Sei impaziente di cavartela da sola. Non vuoi che nessuno ti dica a che ora essere a casa o come dovresti crescere il tuo bambino. Stai per lasciare la grande e confortevole casa di tua madre e lei non ti fermerà, perché ti conosce troppo bene. 
Ma ascolta cosa ha da dirti: 
"Quando oltrepasserai la porta di casa mia, non lasciare che nessuno provi a crescerti. Tu, cresciuta, lo sei già.  
Sai distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. 
In  ogni relazione che intraprenderai, dovrai essere pronta ad aggiustare e fare adattamenti.  
Ricorda, puoi sempre tornare a casa."
Tornerai a casa quando il mondo ti butterà giù - o quando cadrai a terra mentre tutti ti osservano. Ma solo per due o tre settimane. Tua madre ti vizierà e ti preparerà il tuo piatto preferito con riso e fagioli rossi. Farai l'abitudine di tornare a casa in modo che lei possa liberarti di nuovo - uno dei più grandi doni, assieme a quello di stimolare il tuo coraggio, che ti farà.
Sii coraggiosa, ma non imprudente.
Cammina orgogliosa di chi sei,
Maya

via 

mercoledì 28 maggio 2014

Matthieu Ricard: Il gusto di essere felici. Lezioni dall'uomo più felice del mondo.

Gipi, Una Storia

Tutti vogliono essere felici.
Che questo proposito sia perseguito in maniera naif, inconscia o meno, sono sicuro che molti di noi occupino parte della propria giornata cercando di sentirsi felici e realizzati. Ma, oggi mi chiedo, cosa vuol dire essere felici?

Matthieu Ricard è un ex genetista francese fattosi monaco buddista nel 1978. Ha scritto svariati libri sulla felicità e sugli strumenti per ricercarla. Ne Il gusto di essere felici, ad esempio, esamina varie strategie per capire cos'è la felicità, cosa rappresenta per noi e come preservarla e renderla duratura.
Ha inoltre partecipato, assieme ad altri monaci, ad alcuni test svoltisi in università americane, come l'università del Wisconsin o quella di Berkeley, che avevano lo scopo di studiare le aree del cervello più attive durante la meditazione dei monaci, per registrare i livelli di attività cerebrale di persone per definizione felici e rilassate. Perché gli scopi indiretti dell'atto della meditazione sono quelli di raggiungere uno stato di pace ed equilibrio che può definirsi uno stato di benessere, di felicità. Da questi test, che non hanno sicuramente pretesa d'universalità, Ricard è emerso come l'individuo con il più alto livello di attività nelle zone del cervello collegate a sensazioni di compassione, distensione e positività. Per questo è a volte definito come "L'uomo più felice del mondo ".

Matthieu Ricard quindi rappresenta di certo una voce autorevole in questo campo. Troviamo traccia delle sue teorie nel famoso discorso ai TED Talks del Febbraio 2004 dove espone alcuni dei propri pensieri e delle proprie esperienze.

Ricard si chiede: cos'è la felicità?

Bene, che cosa può essere la felicità? E felicità, naturalmente, è una parola così vaga, così la chiamerò ben-essere. Così, io credo che la migliore definizione, come nella visione del Buddismo, sia che il ben-essere non è solo una semplice e piacevole sensazione. E' un profondo senso di serenità e di completezza, uno stato che continuamente pervade e sottende tutti gli stati emozionali e tutte le gioie e i dolori che possono arrivare. Questo, per voi, potrebbe essere sorprendente. Come è possibile avere questo tipo di ben-essere mentre siamo tristi? E perché no? Perché noi stiamo parlando di differenti livelli.

 Il benessere è dunque, secondo Ricard, non una semplice sensazione ma uno stato profondo e complesso che deve porsi da base alle emozioni contingenti e quotidiane. Per spiegarlo fa l'esempio delle onde che increspano la superficie del mare:

Guarda le onde quando arrivano sulla terra. Quando sei sul basso dell'onda, batti sul fondo. Sbatti sulle dure rocce. Quando sei in cima alla cresta, sei tutto esultante. Così vai dall'entusiasmo alla depressione, non c'è profondità. Ora, se guardi in alto mare, potrebbe essere bello, un oceano calmo come uno specchio. Potrebbe esserci una tempesta, ma la profondità dell'oceano è comunque li, non cambia. Bene, come accade ciò? Come può fissarsi uno stato dell'essere e non una continua fugace emozione o sensazione?

Virginia Woolf quotes
Lisa Congdon

Come creare dunque una sensazione di benessere generale, slegata dalle emozioni di gioia istantanee e per questo deludenti perché destinate ad esaurirsi dopo istanti? Come creare una sensazione duratura e per questo sana e robusta?

La risposta secondo Ricard risiede dentro di noi, al nostro vero interno:

E così quando qualcosa va male noi cerchiamo di trovare al di fuori la soluzione, ma il controllo del mondo esterno è limitato, temporaneo, e spesso illusorio. E ora guardiamo alle condizioni interne. Forse che non sono queste le più forti? Non è la mente che ci traduce le condizioni esterne in felicità o sofferenza? Non è questa la più forte? Sappiamo per esperienza, che possiamo essere in un piccolo paradiso e dentro di noi essere totalmente infelici.

Ed il modo di eliminare quest'infelicità di cui parla è uno solo: ovvero lavorare sulle nostre emozioni negative, cercando di favorire la nascita spontanea di sensazioni che ci rendono migliori. Perché secondo Ricard la nostra coscienza è un'entità plasmabile, che non può provare due emozioni opposte nello stesso momento:

Tu non puoi, con lo stesso gesto, stringere la mano e dare un pugno. Questi sono gli antidoti naturali per le emozioni che sono distruttive per il tuo stesso benessere interno. Questa è la strada per procedere. La gioia al posto della gelosia. Il senso di una profonda libertà interna al posto del senso intenso ed ossessivo di possesso. Benevolenza e bontà contro l'odio. Ma naturalmente, ogni emozione ha bisogno del suo particolare antidoto.

E poi presenta un utile tecnica contro la rabbia e in genere per gestire queste emozioni negative:

Dobbiamo guardare la rabbia per quello che è, ci sembra molto minacciosa come le nubi di un monsone o di un temporale. Ma se pensiamo di essere seduti sulla nube, dentro la nube, se possiamo andare li è solo nebbia. Come se guardi nel pensiero della rabbia, e svanirà come la brina in una mattina di sole. Se tu fai questa cosa più e più volte, la propensione, la tendenza per la rabbia di manifestarsi ancora comincerà a diminuire ogni volta di più fino a dissolversi. E alla fine, anche quando può risorgere, sarà solo per attraversare la mente come un uccello attraversa il cielo senza lasciare alcuna traccia. Questa è la principale formazione per la mente.

La meditazione e la ricerca di emozioni positive sono lo strumento per la ricerca della felicità. Allenare la nostra mente a provare emozioni che ci rendono migliori è l'unica maniera per trasformare il benessere in uno stato duraturo e comprensivo, che ci accompagna in ogni momento della vita. Lo scopo è quello di trasformare la mente per entrare in un nuovo stato emotivo:

La trasformazione della mente, questo è il vero significato della meditazione. Significa prendere l'abitudine ad un nuovo modo di essere, un nuovo modo di percepire la realtà che è più di un semplice adeguarsi alla realtà, è un interdipendenza, con un continuo flusso di trasformazione con il nostro essere nella sua consapevolezza.

martedì 27 maggio 2014

Le voci del silenzio. I pregi dell'assenza di rumore.

via New York Times 


“the best thing about this place is that it has such nice noises you don’t feel alone when you are alone.”


Puoi sentire la voce del silenzio intorno a te?

O senti solo rumore di pneumatici sull'asfalto, rotaie che stridono e voci che strepitano in lontananza?

A me piace il silenzio. 

Mi piace perché riesco ad ascoltare una certa voce che mi parla da dentro, perché i miei pensieri sono più limpidi, indisturbati.


"Sound imposes a narrative on you,’ he said, ‘and it’s always someone else’s narrative. My experience of silence was like being awake inside a dream I could direct." 


Il silenzio è come una visione da cui puoi trarre significati che normalmente non vedi. Un sogno di cui puoi manipolare lo svolgimento e la fine. Il silenzio e l'assenza di suoni vicini a te, danno un senso di apertura, d'infinito e di infinite possibilità. La possibilità di racchiudere uno spazio più ampio nel tuo orizzonte; di guardare dove non credevi.



“Openness!” Betchkal exclaimed. He paused to chase his thought. “Quiet is related to openness in the sense that the quieter it gets — as your listening area increases — your ability to hear reflections from farther away increases. The implication of that is that you get an immense sense of openness, of the landscape reflecting back to you, right? You can go out there, and you stand on a mountaintop, and it’s so quiet that you get this sense of space that’s unbelievable. The reflections are coming to you from afar. All of a sudden your perception is being affected by a larger area. Which is different from when you’re in your car. Why, when you’re in your car, do you feel like you are your car? It’s ’cause the car envelops you, it wraps you up in that sound of itself. Sound has everything to do with place.


Per questo amo il silenzio: per essere di più, e allo stesso tempo per essere più consapevolmente me stesso.


citazioni via e via

lunedì 26 maggio 2014

Una lista di 30 pensieri sulla scrittura e sulla vita da Jack Kerouac


"Be in love with yr life"
Abbiamo parlato di Jack Kerouac e dei suoi pensieri a proposito dell'entità del tempo, dell'eternità e della bontà come necessità, suggeritigli dalla visione avuta sotto un pino del Nord Carolina; ed ora presentiamo una lista di 30 pensieri sulla scrittura e sulla vita, scritta da Kerouac in un periodo non chiaro, ma sicuramente precedente alla stesura di Howl (Urlo) di Allen Ginsberg. La lista fu infatti ritrovata insieme alle carte e le bozze del poema, appesa probabilmente alla parete della stanza di North Beach di Ginsberg. Lo stesso titolo Howl, riconosce l'autore nei ringraziamenti, è dovuto a Kerouac. La lista presenta un insieme di pensieri che con esempi come "Submissive to everything, open, listening" e "Accept loss forever", rappresenta tanto un insieme di regole di vita, quanto di scrittura. E qui Kerouac si unisce tranquillamente al coro degli altri scrittori che si sono espressi sulla materia, Schopenhauer sullo stile, Hemingway con i suoi 8 consigli, David Foster Wallace e Charles Bukowski sulla vocazione dello scrittore.

1. Scribbled secret notebooks, and wild typewritten pages, for yr own joy
2. Submissive to everything, open, listening
3. Try never get drunk outside yr own house
4. Be in love with yr life
5. Something that you feel will find its own form
6. Be crazy dumbsaint of the mind
7. Blow as deep as you want to blow
8. Write what you want bottomless from bottom of the mind
9. The unspeakable visions of the individual
10. No time for poetry but exactly what is
11. Visionary tics shivering in the chest
12. In tranced fixation dreaming upon object before you
13. Remove literary, grammatical and syntactical inhibition
14. Like Proust be an old teahead of time

15. Telling the true story of the world in interior monolog
16. The jewel center of interest is the eye within the eye
17. Write in recollection and amazement for yourself
18. Work from pithy middle eye out, swimming in language sea
19. Accept loss forever
20. Believe in the holy contour of life
21. Struggle to sketch the flow that already exists intact in mind
22. Dont think of words when you stop but to see picture better
23. Keep track of every day the date emblazoned in yr morning
24. No fear or shame in the dignity of yr experience, language & knowledge
25. Write for the world to read and see yr exact pictures of it
26. Bookmovie is the movie in words, the visual American form
27. In praise of Character in the Bleak inhuman Loneliness
28. Composing wild, undisciplined, pure, coming in from under, crazier the better
29. You're a Genius all the time
30. Writer-Director of Earthly movies Sponsored & Angeled in Heaven

1. Taccuini segreti scarabocchiati, e selvagge pagine scritte a macchina, per il tuo solo piacere
2. Arrendevole verso tutto, aperto, in ascolto
3.Cerca di non ubriacarti mai al di fuori di casa tua
4. Ama la tua vita
5. I tuoi sentimenti troveranno la propria espressione
6. Sii un pazzo e sciocco santo della mente
8. Scrivi ciò che vuoi senza fondo dal fondo della mente
9. Le indescrivibili visioni dell'individuo
10. Nessun tempo per la poesia ma per le cose come sono davvero
11. Tic visionari che brillano nel petto
12. In uno stato di trance sognando l'oggetto che ti precede
13. Rimuovi le inibizioni letterarie, sintattiche e grammaticali
14. Come Proust sii un vecchia testa da tè del tempo
15. Raccontando la vera storia del mondo in un monologo interiore
16. Il centro prezioso dell'interesse è l'occhio all'interno dell'occhio
17. Scrivi per ricordare e divertire te stesso
19. Accetta per sempre la perdita
20. Credi nella santa forma della vita
21. Combatti per abbozzare il flusso che già esiste intatto nella mente
22. Non pensare alle parole quando ti fermi ma cerca di vedere meglio la figura
23. Tieni a mente ogni giorno decorato dalla data nelle tue mattine
24. Nessuna paura o vergogna nella dignità della tua esperienza, linguaggio e conoscenza
25. Scrivi perché il mondo veda il tuo esatto ritratto di esso
28. Componendo selvaggia, indisciplinata, pura, che viene dal profondo, più pazza meglio è
29. Tu sei un Genio sempre

via

domenica 25 maggio 2014

"E così vorresti fare lo scrittore?" Charles Bukowski su arte, creatività e il dono della scrittura

Lorenzo Mattotti

Assieme agli straordinari consigli sull'argomento da parte di Ernest HemingwayArthur Schopenhauer e David Foster Wallace, un' altra inaspettata sorgente di saggezza a riguardo dello scrivere e trovare il proprio posto nel mondo, viene da Charles Bukowsky, precisamente da una poesia pubblicata in E così vorresti fare lo scrittore? , ebook edito da Guanda. Qui lo scrittore americano, con il consueto stile irriverente, caustico e sopra le righe, esplora le ragioni per cui dedicarsi al "mestiere"; ragioni che in generale, se volessimo richiamare la nozione di flusso di Mihaly Csikszentmihalyi, possono essere applicate a qualunque tipologia di lavoro creativo. Di seguito la poesia e sotto la traduzione:
So you want to be a writer
if it doesn’t come bursting out of you
in spite of everything,
don’t do it.
unless it comes unasked out of your
heart and your mind and your mouth
and your gut,
don’t do it.
if you have to sit for hours
staring at your computer screen
or hunched over your
typewriter
searching for words,
don’t do it.
if you’re doing it for money or
fame,
don’t do it.
if you’re doing it because you want
women in your bed,
don’t do it.
if you have to sit there and
rewrite it again and again,
don’t do it.
if it’s hard work just thinking about doing it,
don’t do it.
if you’re trying to write like somebody
else,
forget about it.
if you have to wait for it to roar out of
you,
then wait patiently.
if it never does roar out of you,
do something else.
if you first have to read it to your wife
or your girlfriend or your boyfriend
or your parents or to anybody at all,
you’re not ready.
don’t be like so many writers,
don’t be like so many thousands of
people who call themselves writers,
don’t be dull and boring and
pretentious, don’t be consumed with self-
love.
the libraries of the world have
yawned themselves to
sleep
over your kind.
don’t add to that.
don’t do it.
unless it comes out of
your soul like a rocket,
unless being still would
drive you to madness or
suicide or murder,
don’t do it.
unless the sun inside you is
burning your gut,
don’t do it.
when it is truly time,
and if you have been chosen,
it will do it by
itself and it will keep on doing it
until you die or it dies in you.
there is no other way.
and there never was.

Lorenzo Mattotti

La poesia di Charles Bukowski richiama anche per certi versi i temi che Hunter Thompson affronta nella lettera con cui consiglia all'amico Hume come trovare la propria strada e avere una vita gratificante, dall'avere la vocazione per qualcosa, al non arrendersi nel cammino:
E così vorresti fare lo scrittore?
Se non ti esplode dentro
a dispetto di tutto,
non farlo
a meno che non ti venga dritto
dal cuore e dalla mente e dalla bocca
e dalle viscere,
non farlo.
se devi startene seduto per ore
a fissare lo schermo del computer
o curvo sulla macchina da scrivere
alla ricerca delle parole,
non farlo.
se lo fai solo per soldi o per fama,
non farlo
se lo fai perché vuoi
delle donne nel letto,
non farlo.
Se devi startene lì a
scrivere e riscrivere,
non farlo.
se è già una fatica il solo pensiero di farlo,
non farlo.
se stai cercando di scrivere come qualcun altro,
lascia perdere.
se devi aspettare che ti esca come un ruggito,
allora aspetta pazientemente.
se non ti esce mai come un ruggito,
fai qualcos'altro
se prima devi leggerlo a tua moglie
o alla tua ragazza o al tuo ragazzo
o ai tuoi genitori o comunque a qualcuno,
non sei pronto.
non essere come tanti scrittori,
non essere come tutte quelle migliaia di
persone che si definiscono scrittori,
non essere monotono o noioso e
pretenzioso, non farti consumare dall'autocompiacimento
le biblioteche del mondo
hanno sbadigliato
fino ad addormentarsi per tipi come te
non aggiungerti a loro
non farlo
a meno che non ti esca
dall'anima come un razzo,
a meno che lo star fermo
non ti porti alla follia o
al suicidio o all'omicidio,
non farlo
a meno che il sole dentro di te stia
bruciandoti le viscere,
non farlo.
quando sarà veramente il momento,
e se sei predestinato,
si farà da sé e continuerà finché tu morirai o morirà in te.
non c'è altro modo
e non c'è mai stato.
via 

sabato 24 maggio 2014

Il ciclo dell'eroe. Perché in fondo siamo tutti come Harry Potter



"Nella caverna dove avete paura di entrare si trova il tesoro che state cercando".

Cosa hanno in comune Harry Potter, Katniss Everdeen e Frodo Baggins con gli eroi delle antiche leggende?
Con Hercules o Prometeo, ad esempio? E se vi dicessi che sono tutte varianti del medesimo eroe?
Joseph Campbell nel suo celebre saggio: "L'eroe dai mille volti", uscito nel 1949, ha già risposto a questa domanda, anche se idealmente, andando alla ricerca dell'archetipo dell'eroe che risiede alla base di tutte le storie e le leggende del mondo antico e moderno. Quello che emerge è un fantasmagorico viaggio attraverso centinaia di miti, favole e leggende, dove una folla di uomini, eroi, mostri, spettri, fate e geni, un pantheon di dèi clementi e terribili, maestosi e beffardi, costituiscono la materia di un libro che dalla sua prima pubblicazione si è imposto come un grande classico.

Questo post prende spunto dal video di TED.Ed di Matthew Winkler che, grazie alle animazioni di Kirill Yeretsky, prova a riassumere il viaggio dell'eroe in pochi minuti, offrendo al contempo un piccolo concentrato del saggio di Campbell. (Per vederlo interamente, scorrere in basso)
In sostanza ogni storia è un viaggio e rappresenta la stessa saga. Il percorso dell'eroe è un ciclo, un cerchio, e si svolge quasi sempre nello stesso modo, pensate ai vostri libri e film preferiti. Questo ciclo ha in parte luogo in un mondo speciale ed ignoto e consta di dodici passi:


Inizia dallo Status Quo: pensatelo come un orologio le cui lancette scandiscano le varie fasi. Il primo passo è all' 1:00. Il Richiamo all'Avventura, ovvero in cui l'eroe si trova in prossimità di una scelta, una sfida che lo spinge ad agire e modificare l'iniziale situazione di stallo. E' indeciso ed esitante sui motivi della sua partenza, non sa come agire, ne da dove iniziare. Per questo alle 2:00 riceve l'Assistenza, probabilmente da qualcuno più grande, più saggio. Poi, finalmente, ricevuti i necessari consigli e ragguagli, è pronto a partire e ad entrare nel Mondo Speciale.
Mi viene in mente a proposito, nella Compagnia dell'Anello di Tolkien il momento in cui la Compagnia è ufficialmente costituita e parte da Gran Burrone per la sua "missione".



L'eroe varca la soglia che dalla sua esistenza sicura e normale lo porta ad entrare nel mondo dell'avventura. Non siamo più a casa. Da qui inizia il periodo delle prove e degli ostacoli (ore 4:00). Essere un eroe è un lavoro duro: il nostro eroe risolve un enigma, ammazza un mostro, sfugge ad una trappola. L'eroe si rafforza e inconsciamente o meno si prepara alla prova più grande: il confronto con la sua maggior paura (ore 5:00). Il mostro, o qualunque cosa sia, ha il sopravvento; in alcuni casi uccide il nostro eroe. Non riesce, però, a vincerlo definitivamente, perché egli risorge, ancora più forte (Ore 6:00)



Affronta la morte e in alcuni casi muore solo per rinascere. Dalla prova ottiene un tesoro, un dono, un riconoscimento speciale o un potere. (7:00).
Alle 8:00 c'è il risultato, ovvero cosa succede dopo la sfida con il mostro. L'eroe come si comporta? Di solito varia da storia a storia.

Alle 9:00, Il ritorno. Dopo tutta questa avventura, l'eroe ritorna al suo mondo ordinario e vive la propria nuova vita. (10:00). Questa ricerca ha cambiato il nostro personaggio, che è cresciuto e maturato grazie a questa esperienza, e ritorna alla propria vita con capacità accresciute, conoscenza e una certa saggezza. Lo Status Quo si ripropone ad un livello superiore, perché il nostro uomo ora è un eroe a tutti gli effetti. Niente è più come prima, pur sembrando del tutto immutato.




Ma il punto più interessante del video e del saggio di Campbell resta uno solo: perché ci interessano queste storie e perché ci immedesimiamo a tal punto in esse? Cosa abbiamo noi in comune con Harry Potter, Katniss Everdeen e Frodo? Perché ci rappresentano?
Be', siamo esseri umani, proprio come loro. Il mito del viaggio dell'eroe esiste in tutte le culture umane e viene costantemente aggiornato perché noi esseri umani giudichiamo il nostro mondo mediante le storie simboliche delle nostre stesse vite. Voi abbandonate il vostro ambiente sicuro (comfort zone) , vivete un'esperienza che vi trasforma e poi vi riposate e rifate tutto nuovamente. Nel vero senso della parola non massacrate draghi o combattete Voldemort, ma affrontate problemi altrettanto spaventosi. 
Ci immedesimiamo in personaggi che ci somigliano, che come noi affrontano sfide. Nel nostro piccolo anche noi siamo degli eroi:
Joseph Campbell disse:
"Nella caverna dove avete paura di entrare si trova il tesoro che state cercando".
 
Qual è la caverna simbolica in cui avete paura di entrare?
Le audizioni per una recita scolastica?
Le selezioni per il baseball?
L'amore?
 
Prestate attenzione a questa formula nei libri, nei film e negli spettacoli televisivi che incontrate. La ritroverete sicuramente di nuovo. Ma prestate la medesima attenzione alla vostra vita. 
Ascoltate il richiamo dell'avventura.
Accettate la sfida.
Dominate la vostra paura
e rivendicate il tesoro che state cercando.
Poi, ricominciate tutto dal principio.




Leggi anche:
I  5 segreti delle nostre storie preferite, da Andrew Stanton (Wall E, Alla Ricerca di Nemo)

venerdì 23 maggio 2014

Alain de Botton: Come eliminare l'ansia da successo e la paura di fallire

Daniel Berehulak

Ritornando al discorso dell'ansia di realizzarsi, dell'avere uno scopo nella vita e dell'ansia di giudicare che, spesso, inconsapevolmente ci opprime, oggi parliamo, prendendo spunto da Alain de Botton, di una delle ansie più radicate nella nostra generazione, ovvero l'ansia da successo. Il filosofo svizzero è una voce autorevole in questo campo, con la sua School of Life, e in particolare con il libro Status Anxiety che tratta dell'ansia come stato universale, dal come gli altri ci percepiscono al concetto di ansia da successo e fallimento.

E' facile vedere la dicotomia che esiste al giorno d'oggi, in una specie di ottica manichea, tra la percezione di successo e fallimento. Per come siamo circondati da storie e racconti che enfatizzano questi due aspetti. Pensate ai giornali e agli articoli che vediamo di norma in prima pagina: il prodotto X dell'azienda Y è stato un successo commerciale; il tal politico è stato arrestato, la sua vita desta scandalo; la tal squadra ha vinto; l'altra è stata eliminata. Questi valori che ci vengono trasmessi ogni giorno inconsciamente iniziano a far parte di noi e del modo in cui vediamo le cose. Giudichiamo le persone in base a ciò che fanno nella vita, in base al loro reddito, in base al successo lavorativo che dimostrano. E giudichiamo noi stessi in base agli stessi parametri. Chi ha successo è un dio, chi fallisce non è degno che di ricevere insulti. Il criticismo che sviluppiamo, e che crea ansia da prestazione verso noi stessi, dipende da vari aspetti; De Botton sostiene che uno dei principali sia lo snobismo, inteso come:
Snob è chiunque prenda una piccola parte di te e la usi per formarsi una visione completa di chi sei. Questo è lo snobismo.
Con la famosa "job snobbery" che è di gran lunga la più diffusa tra le tante varianti dello snobismo:
Per molti esiste una stretta correlazione tra quanto tempo, considerazione, e se volete, amore, non amore romantico, ma amore in generale e rispetto, sono disposti a concederci e la nostra posizione sulla scala sociale.
Secondo De Botton quello che cerchiamo in questo tipo di società è il riconoscimento: ovvero l'essere importanti per qualcuno, l'essere benvoluti e cercati. E spesso questo tipo di ricompensa è legata allo status sociale che ricopriamo, a quanto possediamo, a cosa possediamo, a che lavoro svolgiamo. E il nostro prestigio è legato direttamente alle cose. Pertanto, quando si descrive la nostra società come una società avida e materialista, il punto sta principalmente nel fatto che attraverso questi oggetti noi ricerchiamo uno status, uno status di prestigio agli occhi degli altri. Non ricerchiamo gli oggetti, ma il loro possesso come fonte di riconoscimento.

Stanley Donwood; Artwork for The King of Limbs (Radiohead)

E da qui si arriva facilmente al secondo problema che è l'invidia:
L'invidia, parlare di invidia è un grande tabù, ma se c'è un'emozione che domina la società moderna, quella è l'invidia. Ed è legata allo spirito di uguaglianza. Mi spiego. Penso che sarebbe molto strano per i presenti, o per chi ci guarda,essere invidiosi della Regina d'Inghilterra. Anche se lei è molto più ricca di ciascuno di voi. E ha una casa molto grande. La ragione per cui non l'invidiamo è perchè è troppo strana. È semplicemente troppo diversa. Non possiamo relazionarci con lei. Parla in modo buffo. Proviene da un posto strano. Quando non ti puoi relazionare con qualcuno, non lo invidi.
In sostanza non ci riesce di invidiare la Regina d'Inghilterra, perché Elisabetta II è troppo distante e diversa da noi, non possiamo rapportarci a lei come ad un nostro pari, perché ha veramente poco in comune con noi. E' più facile invidiare qualcuno che veste in jeans e ha un' aria affabile e alla mano, ad esempio Bill Gates:
Oggi, è probabilmente tanto improbabile diventare ricchi e famosi come Bill Gates, quanto era improbabile nel 17-esimo secolo accedere ai ranghi dell'aristocrazia francese. Ma il punto è che non ci sembra improbabile. Ci viene fatto credere, dai giornali e altri media, che se hai energia, qualche bella idea sulla tecnologia e un garage, puoi creare qualcosa di grandioso.
Ci viene fatto credere che possiamo fare qualunque cosa, e in definitiva, potrebbe anche essere vero. Questo però è direttamente collegato all'insorgere della bassa autostima. E se anche provando non ci riesco? Cosa succede?
Da qui è facile introdurre il terzo problema, che è un concetto che ci viene sempre presentato come la panacea di tutti i mali, ovvero la meritocrazia. De Botton sembra credere nella meritocrazia, ma avverte:
Una società meritocratica è una società in cui se hai talento, energia, capacità arrivi in cima. Niente ti dovrebbe trattenere. È una bellissima idea. Il problema è: se credi veramente in una società dove quelli che meritano di arrivare in cima ci arrivano, implicitamente e in un modo molto più spiacevole, credi in una società in cui quelli che meritano di toccare il fondo toccano il fondo e lì restano. In altre parole, la tua posizione nella vita non sembra più accidentale, ma meritata e guadagnata. E questo rende i fallimenti molto più devastanti.
In una società meritocratica al 100% chi ha di meno, non necessariamente per sua colpa, sarà sempre ritenuto meritevole di avere meno. Quindi i "perdenti" non hanno nessuna possibile scusante. E il fatto di prendersi la completa responsabilità della propria esistenza ha sì vantaggi in termini di soddisfazione personale, ma anche svantaggi:
È bellissimo quando ti va bene, ma altrimenti è devastante. Nei casi peggiori, come spiega l'analisi di un sociologo come Emil Durkheim, porta ad aumentati tassi di suicidio. Avvengono più suicidi nei paesi individualistici sviluppati che in ogni altra parte del mondo. E una delle ragioni è che le persone prendono quello che succede loro in modo estremamente personale. Sono gli artefici del loro successo. Ma anche del loro fallimento.
Daniel Berehulak

A questo punto quali sono le buone notizie? Ciò da cui partire per risolvere questi problemi?

Secondo de Botton, sarà quasi impossibile riuscire nell'impresa di costruire una società completamente meritocratica, in cui tutti sono schedati in base al proprio merito, ai propri punteggi. Perché esistono troppe incidenze, malattie, devianze, casualità di nascita, errori ed imprevisti che continuano e continueranno a verificarsi. E il punto secondo il filosofo svizzero è che quindi dobbiamo essere in grado di non giudicare gli altri in base alle apparenze e al lavoro che svolgono, perché quello, in alcuni casi, non è tutto ciò di cui sono in grado:
In altre parole, trattieniti dal giudicare gli altri. Non puoi mai sapere quale sia il vero valore di qualcuno. È una parte nascosta di ciascuno di noi. E non dovremmo comportarci come se la conoscessimo. C'è un'altra fonte di conforto per tutto questo. Quando riflettiamo sul fallire nella vita, quando pensiamo al fallimento, una delle ragioni per cui temiamo di fallire non è soltanto la perdita di ricchezza o di status. Ciò che temiamo è il giudizio e la derisione degli altri. Che esiste.
Le idee di fallimento e di successo che ci siamo creati derivano dai problemi sopra descritti e influenzano la percezione che abbiamo di noi stessi. Ma se non fosse così? Se l'idea di successo non fosse semplicemente possedere di più e trovarsi più in alto sulla scala sociale? Se l'idea di successo fosse personale ed univoca, tale che ognuno debba decidere cosa rappresenta per lui il successo?
In questi termini, ognuno deve decidere qual è la propria nozione di successo. E qui mi rivolgo a voi: cos'è il vero successo? Cos'è che nella vostra vita vi farebbe sentire davvero realizzati?

E richiamando Thoreau che diceva: “If the day and the night are such that you greet them with joy, and life emits a fragrance like flowers and sweet-scented herbs, is more elastic, more starry, more immortal — that is your success”, De Botton suggerisce di:
Quindi ciò che desidero sostenere non è che dobbiamo rinunciare alle nostre idee di successo. Ma che dobbiamo essere certi che siano nostre. Dovremmo concentrarsi sulle nostre idee. Ed essere sicuri che sono nostre, che siamo i veri autori delle nostre ambizioni. È già abbastanza brutto non ottenere ciò che vuoi. Ma è ancora peggio avere un'idea su cosa desideri e scoprire alla fine del percorso che, in realtà, non è ciò che hai sempre voluto.
Voglio terminare così. Ma ciò che realmente voglio ribadire con tutti i mezzi è: sì al successo. Ma accettiamo che alcune nostre idee sono strane. Esaminiamo la nostra nozione di successo.Sinceriamoci che le nostre idee di successo siano davvero nostre.

via  

martedì 20 maggio 2014

I diari e le lettere di Kurt Cobain

"Dale, conta il numero di volte in cui dirò fuck." Così esordisce Kurt Cobain nella lettera in cui comunica all'ex membro, Dale Crover, il nuovo e definitivo nome della band: NIRVANA. Qui Cobain racconta all'amico alcuni dettagli sui primi passi della band nella Seattle Scene, a partire dal contratto appena siglato, grazie ad uno show in cui erano presenti quasi tutti i gruppi della città assieme ad emissari della SubPop Records; per finire con dettagli e curiosità sulla propria vita, il lavoro che non c'è, la ragazza Tracy e un film surrealista a cui aveva partecipato nei giorni precedenti. E poi promette: "next letter will be less boring about Record deals".


Nella lettera discute inoltre della stupidità della pubblicità, di come non abbia intenzione di essere un "total socialite", e parla della loro, forse, prima intervista. Cobain definisce il concerto come uno "zoo-event",  nonostante gli abbia permesso di ottenere un contratto per un singolo:


Yeah punctuation, I was stoned a lot when I was learning that stuff."


Nella sua breve vita Kurt Cobain riempì un grande numero di quaderni  con poesie, schizzi e appunti, annotando i suoi progetti per i Nirvana, le sue riflessioni sulla fama e sulla notorietà, il suo pensiero sulla scena musicale di quegli anni, e ciò che pensava di produttori, discografici e fans.
Dopo la sua morte, sono stati ritrovati più di venti di questi quaderni, pubblicati in Italia da Mondadori in una raccolta dal semplice nome: Diari, con una copertina mutuata proprio dalla lettera che vedete qui sopra; best seller in poco tempo dall'uscita. Questi Diari sono soprattutto uno spaccato della personalità di Cobain, delle sue idee e della sua disillusione verso la società americana di quel periodo.
Nell'estratto successivo emergono infatti le sue idee politiche, dirà: "I consider myself to the extreme left" e la sua predilezione per un confronto calmo ed equilibrato; e soprattutto la sua volontà di non apparire come un outsider, di inserirsi nel sistema per farlo marcire dall'interno:
I like to inflate the mechanics of a system by posing as one of them, then slowly start the rot from the inside of the empire.
 E in mezzo a questo la speranza che la rivalutazione del ruolo delle donne, meno inclini alla violenza per natura, possa essere la speranza che ci serve, anche nel rock:

"I like to complain and do nothing to make things better. I like to blame my parents generation for coming so close to social change then giving up after a few successful efforts by the media & government to deface the movement by using the Mansons and other Hippie representatives as propaganda examples on how they were nothing but unpatriotic, communist, satanic, inhuman diseases, and in turn the baby boomers became the ultimate, conforming, yuppie hypocrites a generation has ever produced." 
I like the comfort in knowing that the Afro American invented rock and roll yet has only been rewarded or awarded for their accomplishments when conforming to the white mans standards. 
I like the comfort in knowing that the Afro American has once again been the only race that has brought a new form of original music to this decade.

Cobain dirà di aver incontrato anche poche menti dotate di vera saggezza e capaci di apprezzare la passione per qualcosa. Grandi menti, indubbiamente, ma fredde.


"[..] You paid way too much literally nothing stimulating"; Cobain sembra disprezzare tutto ciò che è intrattenimento becero fine a se stesso; lo stesso utilizzato dalla grande macchina dell'intrattenimento commerciale americano. Ed è quasi amaro vedere lo sfruttamento della sua morte e della sua figura, sapendo quale fosse il suo punto di vista sull'argomento fama, popolarità, soldi e mercificazione. 
This is a subliminal example of a society that has sucked & fucked itself into a rehashing value of greed.
[…]
You get the overall feeling that you paid way too much for literally nothing stimulating.
[…]
The jokes on you so kill yourself
No amount of effort can save you from oblivion. …
No Address
No Editor
No Ad rates

E per concludere nelle pagine del diario dello scomparso leader dei Nirvana, trova spazio anche una lista di consigli, per vivere una vita integra e giusta. Dei consigli che probabilmente rivolgeva in primo a luogo a se stesso:


Per vivere con integrità:
I've lost my MIND many times, and my wallet many more.
In the simplest terms:
1.Don't Rape
2.Don't be prejudice
3.Don't be sexist
4.Love your children
5.Love your Neighbor
6.Love yourself
Don't let your opinions obstruct the aforementioned list
I Diari di Kurt Cobain sono una notevole raccolta di pensieri ed estratti di vita che consentono di entrare in contatto con una delle figure più discusse, amate e tragicamente scomparse di questi ultimi vent'anni. Una lettura imperdibile ed interessante.

via